Discussione:
Roma 2017
Aggiungi Risposta
Mau
1970-01-01 00:00:00 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Fradicio come una spugna, gambe a pezzi, raffreddato, 3h16m. Felice.
--
Mau


----Android NewsGroup Reader----
http://usenet.sinaapp.com/
Pagliotz
2017-04-03 08:15:03 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mau
Fradicio come una spugna, gambe a pezzi, raffreddato, 3h16m. Felice.
Nei trail diciamo "Se non ti sporchi le scarpe, godi solo a metà" ;-)

Bravo!
--
SE NEGLI HEADER APPARE "Message-ID:
<***@fellatio.fun.club>", SONO IO. ALTRIMENTI E' SOLO
UN TROLL COSI' COGLIONE DA IMITARMI.

--
"NON C'E' GUSTO, IN ITALIA, AD ESSERE INTELLIGENTI"
(Roberto "Freak" Antoni)

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
megaMAX
2017-04-04 00:07:03 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mau
Fradicio come una spugna, gambe a pezzi, raffreddato, 3h16m. Felice.
Good job ;-)

PS: vedi firma
--
"...riesco ad andare al mio passo, e posso correre piu' rilassato.Premo
il tasto del pilota automatico, programmato nel mio cervello da millenni
di perfetta evoluzione e da qualche mese di imperfetto allenamento" (Mau)
Mau
2017-04-04 13:04:01 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by megaMAX
Post by Mau
Fradicio come una spugna, gambe a pezzi, raffreddato, 3h16m. Felice.
Good job ;-)
PS: vedi firma
A proposito della firma... questa volta ho avuto una sensazione diversa
che vi racconto. Alla prima maratona le gambe era inchiodate a quel
passo, c'era ben poco da fare per farle andare diversamente. Questa
volta (terza esperienza con la distanza regina) se provavo riuscivo ad
accelerare.

Spiego meglio.

Premetto intanto che tra le due esperienze c'e' di mezzo molto lavoro
fatto sulla tecnica di corsa e soprattutto sulla reattivita' dei piedi,
impegno che mi ha consentito col tempo di sfruttare meglio anche i
muscoli del retro della gamba piuttosto che i soli quadricipiti
(poverini prima facevano tutto loro).

Nelle fasi finali della gara, con tutta la stanchezza accumulata, non
appena la concentrazione calava mi trovavo di nuovo a correre "seduto",
senza nessuna spinta. Non appena me ne rendevo conto mi impegnavo a
correre meglio e immediatamente ero anche in grado di aumentare il passo.

Insomma, correndo bene andavo piu' veloce, ma in automatico tendevo a
correre peggio ma in modo forse piu' istintivo.

Morale? Come sempre, credo sia solo questione di ulteriore allenamento
per rendere il movimento piu' naturale.
--
Mau
Jk
2017-04-05 07:22:36 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mau
Premetto intanto che tra le due esperienze c'e' di mezzo molto lavoro
fatto sulla tecnica di corsa e soprattutto sulla reattivita' dei piedi,
ne avevi accennato qui?
puoi darmi qualche indicazione x capire ci che lavoro si parla?
Post by Mau
impegno che mi ha consentito col tempo di sfruttare meglio anche i
muscoli del retro della gamba piuttosto che i soli quadricipiti
(poverini prima facevano tutto loro).
alla ricerca del bicipite femorale.
Chissà xkè è un male comune anche ad altri sport
Post by Mau
Nelle fasi finali della gara, con tutta la stanchezza accumulata, non
appena la concentrazione calava mi trovavo di nuovo a correre "seduto",
senza nessuna spinta. Non appena me ne rendevo conto mi impegnavo a
correre meglio e immediatamente ero anche in grado di aumentare il passo.
sempre per pura curiosità: hai per caso un Garmin che ti segna la
cadenza, lunghezza del passo ecc da vedere se a fronte di questo stile
di corsa cambia qualcosa in questo aspetto?

grazie e complimenti ancora!
Mau
2017-04-06 07:36:36 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Mau
Premetto intanto che tra le due esperienze c'e' di mezzo molto lavoro
fatto sulla tecnica di corsa e soprattutto sulla reattivita' dei piedi,
ne avevi accennato qui?
puoi darmi qualche indicazione x capire ci che lavoro si parla?
Non ricordo se ne avevo parlato, comunque questo e' quello che, con
approccio naif, ho fatto e faccio:
- ripetute brevi (200-300) spingendo molto di avanpiede, quasi fosse uno
sprint.
- negli allenamenti piu' lunghi ho iniziato ad inserire qui e li dei km
in cui spingevo piu' forte coi piedi, come sopra. Inizialmente era un km
ogni tanto, col tempo poi sempre di piu'. Sempre con molta cautela.
- Balzi sugli scalini, pochi devo ammettere.

Sicuramente avrei dei risultati migliori o in tempi piu' brevi facendo
anche degli esercizi specifici, ma ruberebbero tempo alla corsa vera e
propria.
Post by Jk
sempre per pura curiosità: hai per caso un Garmin che ti segna la
cadenza, lunghezza del passo ecc da vedere se a fronte di questo stile
di corsa cambia qualcosa in questo aspetto?
Il mio Garmin non da queste informazioni e in effetti e' una cosa che
sarei proprio curioso di vedere.
La mia sensazione e' che per forza di cose se spingi di piu' hai un
passo piu' lungo e una maggiore cadenza. Sicuramente sei in qualche modo
costretto ad andare piu' veloce.

Postilla.
Io in fondo resto sempre convinto di una cosa: il modo piu' efficace di
migliorare la tecnica di corsa e' semplicemente correre piu' velocemente.
La tecnica di corsa e' la ciliegina, la torta sono i km e gli allenamenti.
Su di me ad esempio ho notato che se corro piu' lentamente di
4'45"/4'50" per quanto mi impegni mi trovo sempre a correre "seduto".
--
Mau
Jk
2017-04-06 08:24:53 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mau
Il mio Garmin non da queste informazioni e in effetti e' una cosa che
sarei proprio curioso di vedere.
il mio amico e collega ce l'ha ma al momento non è che siamo riusciti a
tirar fuori molto. Ma lui manco fa questo tipo di lavoro, corre come
sente e vedo che aumenta il numero di passi con l' aumentare della velocità
Quindi aumenta la cadenza e tiene fisso la lunghezza della falcata
Post by Mau
La mia sensazione e' che per forza di cose se spingi di piu' hai un
passo piu' lungo e una maggiore cadenza. Sicuramente sei in qualche modo
costretto ad andare piu' veloce.
è la stessa sensazione che ho anche io volevo vedere se era confermata.
Post by Mau
Postilla.
Io in fondo resto sempre convinto di una cosa: il modo piu' efficace di
migliorare la tecnica di corsa e' semplicemente correre piu' velocemente.
La tecnica di corsa e' la ciliegina, la torta sono i km e gli allenamenti.
concordo. C'è stato un generale abuso del cross-training.
Ricordo le discussioni 20 e passa anni fa tra motocrossisti, alla fine
aveva ragione chi diceva: "vuoi migliorare la resistenza dei muscoli in
moto? Gira in modo di più"
Post by Mau
Su di me ad esempio ho notato che se corro piu' lentamente di
4'45"/4'50" per quanto mi impegni mi trovo sempre a correre "seduto".
pensa che per me quelli sono i ritmi veloci! :-)
VonKappel
2017-04-06 09:28:24 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Jk,
Post by Mau
Il mio Garmin non da queste informazioni e in effetti e' una cosa che
sarei proprio curioso di vedere.
il mio amico e collega ce l'ha ma al momento non è che siamo riusciti a tirar fuori molto. Ma lui manco fa questo
tipo di lavoro, corre come sente e vedo che aumenta il numero di passi con l' aumentare della velocità Quindi aumenta
la cadenza e tiene fisso la lunghezza della falcata
Post by Mau
La mia sensazione e' che per forza di cose se spingi di piu' hai un
passo piu' lungo e una maggiore cadenza. Sicuramente sei in qualche modo
costretto ad andare piu' veloce.
è la stessa sensazione che ho anche io volevo vedere se era confermata.
Ma non e' affatto così, ossia la cadenza deve rimanere pressoche' costante.
Quel che aumenta, ovviamente, è la falcata dovuta alla maggiore spinta.
La cadenza, tendenzialmente di 180 passi al minuto, può variare significatamente.
solamente facendo puro jogging (ma non sempre), nelle salite e nelle discese toste
e aumentare di parecchio solo negli arrivi allo sprint.
--
https://www.youtube.com/user/natalinobalasso/featured
Jk
2017-04-06 09:40:39 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by VonKappel
Ma non e' affatto così, ossia la cadenza deve rimanere pressoche' costante.
sono andato avedere il tuo Masone e quello del mio collega, lui negli
ultimi km ha accelerato (tu sei rimasto costante) passando dai 4:55 ai
4:30 negli ultimi 2.4km.
La sua cadenza è aumentata.
Post by VonKappel
Quel che aumenta, ovviamente, è la falcata dovuta alla maggiore spinta.
quello che invece ci chiedevamo io e Mau era se andando a lavorare su
una spinta più basata sul bicipite femorale non si finisca per fare
quanto stai dicendo tu: si aumenta la elocità xkè si allunga la falcata,
ci sarebbe da vedere se quando lo fa poi anche la cadenza rimane
Post by VonKappel
La cadenza, tendenzialmente di 180 passi al minuto, può variare significatamente.
ti stai contraddicendo :-)
deve rimanere costante ma può variare molto?
Post by VonKappel
solamente facendo puro jogging (ma non sempre), nelle salite e nelle discese toste
e aumentare di parecchio solo negli arrivi allo sprint.
no vabbè ok che salite e discese ...
a men interessava capire come gestire.
Anche xkè in genere la stanchezza porta a cambiare un po la dinamica del
movimento ...

Cmq tu hai osservato la tua cadenza e la tua falcata, ed hai visto che....
VonKappel
2017-04-07 11:24:41 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Jk,
Post by VonKappel
Ma non e' affatto così, ossia la cadenza deve rimanere pressoche' costante.
sono andato avedere il tuo Masone e quello del mio collega, lui negli ultimi km ha accelerato (tu sei rimasto
costante) passando dai 4:55 ai 4:30 negli ultimi 2.4km. La sua cadenza è aumentata.
Non conosco il tuo collega, ma puoi quantificare l'aumento della cadenza?
Io ho corso con un passo tutto sommato lineare, ma se avessi fatto quella progressione
la mia cadenza sarebbe rimasta la stessa.
no vabbè ok che salite e discese ...
a men interessava capire come gestire.
Anche xkè in genere la stanchezza porta a cambiare un po la dinamica del movimento ...
La stanchezza porta ad accorciare la falcata e, purtroppo, a spostare all'indietro il
baricentro e quindi a correre peggio, ma è pur sempre il tuo corpo che cerca di
adattarsi cercando l'economicità massima in ogni frangente.
Cmq tu hai osservato la tua cadenza e la tua falcata, ed hai visto che....
Che mi viene naturale correre così, senza forzare alcunché.
Ed è quello che poi dovrebbe fare ognuno di noi, ossia non snaturarsi per tentare
una cadenza improba o, peggio ancora, una falcata alla Gebre.
E' la tu genetica che te lo richiede.
Diverso è il discorso del cambiamento dello stile di corsa al passatto ai drop
bassi o nulli, ma anche qui è una sorta di adeguamento più o meno automatico.
Perché altrimenti ti sfasci...
--
https://www.youtube.com/user/natalinobalasso/featured
Jk
2017-04-07 13:01:31 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by VonKappel
Non conosco il tuo collega, ma puoi quantificare l'aumento della cadenza?
Loading Image...

sopra l' allenamneto di ieri di 8 km, al 4° si ferma poi riparte + forte.
sotto Masone
Post by VonKappel
Che mi viene naturale correre così, senza forzare alcunché.
Ed è quello che poi dovrebbe fare ognuno di noi, ossia non snaturarsi per tentare
una cadenza improba o, peggio ancora, una falcata alla Gebre.
E' la tu genetica che te lo richiede.
Diverso è il discorso del cambiamento dello stile di corsa al passatto ai drop
bassi o nulli, ma anche qui è una sorta di adeguamento più o meno automatico.
Perché altrimenti ti sfasci...
ok, grazie
VonKappel
2017-04-04 07:42:05 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Mau,
Post by Mau
Fradicio come una spugna, gambe a pezzi, raffreddato, 3h16m. Felice.
GRANDE!
E grandissimo tempo anche considerando la giornata e il percorso.
Non l'ho mai fatta, ma ho parecchi amici che l'hanno corsa e tutti mi hanno detto
che è una maratona decisamente ostica.
--
https://www.youtube.com/user/natalinobalasso/featured
Mauro55
2017-04-04 17:21:05 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Il Mon, 3 Apr 2017 09:39:07 +0200 (GMT+02:00), Mau
Post by Mau
Fradicio come una spugna, gambe a pezzi, raffreddato, 3h16m. Felice.
Complimenti!

Mauro55
Usodimare
2017-04-10 10:53:16 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Mau
Fradicio come una spugna, gambe a pezzi, raffreddato, 3h16m. Felice.
Grandissimo!!

Dopo tre anni da NY 3h34min, una serie di infortuni e quasi 10 kg di
troppo ritorno a correre una maratona, ovvero Roma per tigna, per
perdere peso e tentare di rientrare nel giro.
E' stato durissimo più che altro accettare un 4'17" ineluttabile alla
luce dello scarso allenamento, ma era una mia priorità arrivare in fondo.

Gara difficile ma ambiente in miglioramento. Una gara in crescita di
anno in anno. Se ci sapessero fare sarebbe la maratona Top nel mondo.

Giuseppe
Jk
2017-04-10 13:28:33 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Usodimare
E' stato durissimo più che altro accettare un 4'17" ineluttabile alla
luce dello scarso allenamento, ma era una mia priorità arrivare in fondo.
no aspetta... ha scritto 4'17" cioè 4 minuti e 17 secondi.
E' un errore e volevi dire 4 h e 17' di tempo totale?
No xké se ti stai lamentando di un passo medio di 4'17"/km mi disiscrivo
subito!
:-)
Usodimare
2017-04-11 14:44:10 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Jk
Post by Usodimare
E' stato durissimo più che altro accettare un 4'17" ineluttabile alla
luce dello scarso allenamento, ma era una mia priorità arrivare in fondo.
no aspetta... ha scritto 4'17" cioè 4 minuti e 17 secondi.
E' un errore e volevi dire 4 h e 17' di tempo totale?
No xké se ti stai lamentando di un passo medio di 4'17"/km mi disiscrivo
subito!
:-)
ovviamente 4h17min :)
Jk
2017-04-11 15:23:33 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Usodimare
ovviamente 4h17min :)
ah ecco! :-)

Loading...